domenica 27 novembre 2011

lisboa > bologna

lisboa → bologna (o sarebbe meglio dire: anim → via della campagna), 2400 km in auto condensati in meno di 10 minuti. tecnica mista.
video del viaggio di andata delle oramai lontane ultime vacanze, effettuato tra il 14 ed il 17 ottobre, con l'ineccepibile fiat doblò (la mia "nuova" macchina dopo l'improvvisa morte della vitara)

10 commenti:

Roberto ha detto...

Siete passati a 10 km da casa nostra e non vi siete fatti sentire!! Bella avventura. Noi probabilmente ci proveremo la prossima estate.
Un saluto.
R

Anonimo ha detto...

l'effetto delle radio nelle varie lingue ricorda un po' l'inizio di lisbon story... :)
tom

mariantonietta ha detto...

ma bellissimo! mi ha fatto ridere il navigatore che parlava in portoghese.
ma posso chiederti perché la scelta dell'auto come mezzo di trasporto?
la voglio fare anch'io una bella traversata, ma mi fermerei un po' di più nelle città e forse ci vorrebbe troppo tempo...

cicciobomba ha detto...

x roberto: mi dispiace non essermi fatto sentire, ma ogni deviazione dal tragitto era tassativamente proibita. ero un po' idrofobo dei 2 giorni di guida ed avevo a bordo pure i suoceri. figurati che ho obbligato un mio amico torinese che voleva vedermi, a salire fino a chiomonte (anche se poi, x mancanza di ristoranti aperti ci siamo spostati a susa). ci si vede magari qui la prossima estate (che ci saranno novità importanti)! tanti auguri a te, a tina e al pupo.

x mariantonietta: è stata una scelta un po' obbligata. fino all'ultimo non sapevamo se potevamo viaggiare, dato che la mia compagna è in dolce attesa, ed il medico sconsigliava di viaggiare in aereo (possibile gravidanza a rischio, in quanto doppia), ma le ferie erano già marcate x le ultime 2 settimane di ottobre e non vi era la possibilità di spostarle. l'ecografia, fatta alcuni giorni prima di partire, era rassicurante, ma era ormai troppo tardi x trovare dei voli a prezzi umani. così la scelta dell'auto! una sfacchinata che se posso, in futuro, vedrò di evitare, senza la presenza di un copilota. almeno ne ho approfittato x riempire la macchina con un po' di quelle cose che avevo abbandonato nella cantina dei miei quando ho lasciato l'italia.
vista la brevità delle vacanze ed un'agenda piena di impegni e di giri da fare in italia, era impossibile pensare in troppe pause intermedie, ce ne è stata giusto una (1 giorno e 2 notti a valence -F- a casa di amici) mentre il ritorno l'ho concentrato in 2 tirate da 12 ore l'una! massacrante

Roberto ha detto...

Complimentissimi!! Che bella notizia. Ci sentiamo via e-mail.
R

mariantonietta ha detto...

ho capito bene, gemelli??? uau, parabens!!!

cicciobomba ha detto...

proprio così, anche se falsi gemelli! grazie a tutti

elle ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
elle ha detto...

auguri per i gemelli falsi!
io mi sono avventurata da Pavia a Lx in auto quando mi sono trasferita qua, e senza fare soste se non per dormire -nei paesi baschi. una sfacchinata pazzesca, ma spero e conto di prendermela più comoda la prossima volta!
noto che avete fatto tutto un altro tragitto rispetto a noi (che passammo per la costa azzurra e poi per i paesi baschi). sui costi comunque siamo là.
ps ma le autostrade francesi? pedaggi in continuazione, almeno nel tratto che facemmo noi, per un totale di 80 euro.

cicciobomba ha detto...

grazie x gli auguri!
i percorsi automobilistici tra italia e portogallo li ho oramai sperimentati tutti e, a parte quella deviazione in territorio francese che c'è nel video, legata a visite che dovevamo fare, e che ha comportato entrare in italia x le alpi, il passaggio liguria-costa azzurra è obbligato.
la scelta si pone se passare x la catalogna o x i paesi baschi (percorso che poi ho fatto al ritorno) e, a parità di kilometraggio, passare a sud dei pirenei vuol dire + kilometri in territorio spagnolo, dove l'autostrada (o autovia), tranne alcuni tratti, non si paga e i carburanti costano decisamente meno che in francia o in portogallo. se consideri che a breve si pagherà anche la SCUT che dalla frontiera presso guarda arriva a torres novas, fare il percorso + a sud corrisponde ad un bel risparmio di quattrini.