sabato 16 agosto 2008

有難う(arigatô)=obrigado

Pare (ma non vi è assoluta certezza) che la parola giapponese + mondialmente conosciuta (e come essa, tante altre) derivi dal giapponese.
In effetti, i portoghesi (gesuiti e mercanti) sono stati i primio occidentali a mettere piede nell'isolatissimo arcipelago di Ji-pango. Già nel 1543, i primi mercanti di Mendes Pinto sbarcarono sull'isola di Tanegashima, seguiti a breve dai gesuiti di S.Francesco Saverio, intenti in una grande campagna di cristianizzazione. Nasce così l'era Namban (barbari che vengono dal sud, in quanto venivano dalla Cina)


Agli occhi dei glabri giapponesi, i portoghesi apparvero molto strani, tutti con barba e baffi, a volte accompagnati da schiavi neri, e questi primi arrivi sono minuziosamente rappresentati nei biombos (paraventi) nambam.


"Estes homens, bárbaros do sudeste, são comerciantes. Compreendem até certo ponto a distinção entre superior e inferior, mas não sei se existe entre eles um protocolo qualquer. Bebem num copo sem oferecê-lo aos outros; comem com os dedos e não com pauzinhos, como nós. Mostram seus sentimentos de coração aberto. Não compreendem o sentido dos caracteres escritos. São indivíduos que passam a vida vagando de um lado para outro, sem domicílio fixo, e trocam coisas que possuem por coisas que não têm, mas no fundo são inofensivos.’’
(Questi uomini, barbari del sud est, sono mercanti. Capiscono fino ad un certo punto la differenza tra superiore ed inferiore, ma non so se tra loro esiste un qualche protocollo: bevono in un bicchiere senza offrire agli altri; mangiano con le dita e non con bastoncini come noi. Mostrano i propri sentimenti senza alcuna vergogna. Non capiscono il senso dei caratteri scritti. É gente che passa la vitavagando da una parte all'altra, senza una casa, e scambiano cose che possiedono per cose che non hanno, ma in fondo sono inoffensivi)

Trecho de Teppo Ki, crônica japonesa do início do século XVI

Tra le altre parole di evidente origine portoghese, possiamo citare:
- bīdoro (ビードロ) = vidro (vetro)
- birōdo (ビロード / 天鵞絨) = veludo (velluto)
- bōro (ボーロ / ぼうろ) = bolo (tipo di dolce)
- botan (ボタン / 釦 / 鈕) = botão (bottone)
- furasuko (フラスコ) = frasco (fiasco)
- iruman (イルマン / 入満 / 伊留満 / 由婁漫) = irmão (fratello/frate)
- jōro (じょうろ / 如雨露) = jarro (caraffa)
-
karuta (かるた / 歌留多) = cartas de jogar (carte da gioco)
- koppu (コップ) = copo (bicchiere)
- kurusu (クルス) = cruz (croce)
- shabon (シャボン) = sabão (sapone)
- tabako (タバコ / 煙草) = tabaco (tabacco)
- tempura (天麩羅 / 天婦羅) = tempero (condimento)

どうも有り難うございます

2 commenti:

ganglio ha detto...

esticazzi!!!

Céline ha detto...

Ah! ci sono sempre un sacco di cose interessanti nel tuo blog! E non credo che i tuoi disegni siano brutti.. a quando il TUO fumetto? Scommetto che hai un sacco di storie da graficontare...